NEWS

Venerdì 18 giugno 2010 - Convegno nazionale della cooperazione forestale sul libro verde sulla protezione delle foreste nella U.E.

pubblicato 2 giu 2010, 02:10 da Gasper Rino Talucci   [ aggiornato in data 2 giu 2010, 02:57 ]

CONVEGNO NAZIONALE
di Legacoop Agroalimentare e Fedagri Confcooperative

LIBRO VERDE LA PROTEZIONE E L’INFORMAZIONE SULLE FORESTE NELL’UNIONE EUROPEA: PREPARARE LE FORESTE AI CAMBIAMENTI CLIMATICI

LE IDEE ED IL CONTRIBUTO DELLA COOPERAZIONE FORESTALE IN MERITO AL CONFRONTO APERTO DALLA COMUNITA’ EUROPEA.

VENERDI 18 GIUGNO 2010 ore 15.30

SAN MINIATO (PI) - Centro Studi “I CAPPUCCINI”

La Cooperazione forestale italiana rappresenta oltre 300 imprese con un’occupazione di circa 5000 addetti fra soci e lavoratori e un fatturato di oltre 200 milioni di euro.

I settori forestali del movimento cooperativo sono strumento delle realtà imprenditoriali per trasferire esperienze, conoscenze e modelli organizzativi fra le varie realtà regionali affinché tutti si possa crescere e affermarsi in una dimensione nazionale ed europea.

In tal senso la cooperazione forestale ha giudicato positivamente la pubblicazione da parte della Commissione U.E. del Libro verde sulle foreste così come è importante la decisione della Commissione di aprire un confronto trasparente sulla definizione delle nuove strategie di intervento per la valorizzazione delle funzioni ambientali e socio economiche nonché per definire politiche selvicolturali nuove di contrasto ai cambiamenti climatici.

La Gestione Sostenibile delle Foreste è una scelta strategica della cooperazione forestale. Noi che viviamo e operiamo tutti i giorni nella salvaguardia del bosco non possiamo non partecipare al confronto aperto dalla Commissione portando il bagaglio delle nostre esperienze e conoscenze che mettiamo al servizio di tutti.

Trovare nuove forme di gestione che superino i limiti fra proprietà e impresa, costruire politiche che riconoscano la specificità della forestazione mediterranea, trovare nuovi strumenti di sostegno finanziario che compensino le funzioni ecologiche e sociali delle foreste, il riconoscimento ai proprietari e ai gestori dei vantaggi economici derivanti dallo stoccaggio della CO2, garanzie per il settore forestale nella nuova programmazione dello Sviluppo Rurale, questi sono alcuni dei temi che vogliamo sottoporre al confronto con le istituzioni preposte: Regioni, Stato, Comunità Europea.

Programma:

Saluti delle autorità presenti
Vittorio Gabbanini - Sindaco di San Miniato
Paolo Tognocchi - Consigliere Regionale della Toscana
Andrea Pieroni - Presidente Provincia di Pisa

Relazioni
Marco Scaltritti - Presidente Consorzio Toscana Verde
Teodoro Bolognini - Resp. Settore Forestazione Legacoop Agroalimentare
Raul Romano - Rete Rurale Nazionale Osservatorio Foreste INEA
Giovanni Vignozzi - Associazione ANARF
Gasper Rino Talucci - Presidente Settore Forestazione Fedagri Confcooperative

Interverrà
Gianni Salvadori - Assessore Agricoltura Regione Toscana

Conclusioni
Paolo Bruni
Presidente COGECA - Confederazione Generale delle Cooperative Agricole dell’Unione Europea

E' previsto l’intervento di
Paolo De Castro
Presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo

Coordina i lavori Roberto Negrini - Presidente Legacoop Agroalimentare Toscana

18 nov 09 - Presentato il progetto sulle forme di associazionismo forestale

pubblicato 19 nov 2009, 09:27 da Gasper Rino Talucci

E' stato presentato dalle Centrali Cooperative  all'Osservatorio per i prodotti e i servizi forestali presso il C.N.E.L. il progetto elaborato da da A.V.E. "FORME ORGANIZZATIVE DI LAVORO FORESTALE E GESTIONE DELLE FORESTE, ASSOCIAZIONISMO E COOPERAZIONE FORESTALE" (Su questo sito alla pagina "progetti")

Resoconto incontro di AVE con Blasi del 17 novembre 2009

pubblicato 19 nov 2009, 07:31 da Gasper Rino Talucci   [ aggiornato in data 19 nov 2009, 07:48 ]

Una delegazione di AVE ha incontrato il Dott. Giuseppe Blasi, direttore generale dello sviluppo rurale, infrastrutture e servizi del MIPAAF. all'incontro hanno partecipato Marco Scaltriti, presidente di AVE, Gasper Rino Talucci, Vice-presidente, Marina Paolucci, amministratore di AVE  e  Alessandro Boldreghini, funzionario di Fedagri Confcooperative.

A Blasi è stata rappresentata l'esigenza di completare il processo riformatore delle Cooperative forestali. Blasi ha riconfermato la propria disponibilità ad affrontare le questioni relative al riconoscimento automatico della qualifica di IAP alle cooperative forestali e  della necessità di semplificare le procedure di autorizzazione dei tagli boschivi attraverso l'eliminazione della valutazione di incidenza per i tagli colturali. Le questioni potrebbero trovare soluzione all'interno del DL 2260 in discussione alla Camera, discussione che sarà ripresa a gennaio. La delegazione di AVE, insieme alle centrali cooperative, si è impegnata alla elaborazione di una proposta da inserire nel DL.

Inoltre con il Direttore Generale si è iniziato un confronto su due temi fondamentali per il futuro del settore: le agri-energie e i crediti di carbonio, temi nei quali il settore potrà giocare un ruolo nuovo e fondamentale nell'ambito della nuova politica Comunitaria.

Resoconto incontro CNEL del 17 novembre 2009

pubblicato 19 nov 2009, 07:26 da Gasper Rino Talucci   [ aggiornato in data 19 nov 2009, 07:31 ]

L’incontro è servito a integrare con un punto specifico del settore forestale l’ordine del giorno elaborato dal CNEL su Copenhagen. Inoltre è stato confermato che il documento rivisto dalla Cooperazione va bene ed è stato riapprovato e verrà trasmesso al tavolo di coordinamento previsto dal PQF composto dal Ministero e dalle Regioni quando sarà istituito a breve.

Infine è stato richiesto a tutte le associazioni di far pervenire un programma di questioni che intendono approfondire nell’osservatorio nell’anno 2010, la prossima riunione si terrà il 14 dicembre.

Intanto il CNEL sarà rinnovato e Confalonieri ci ha informato che lui non sarà più presente, è una grande perdita!

All'incontro hanno partecipato Marco Scaltriti, presidente di AVE, e Marina Paolucci, Consigliere di amministrazione di AVE,  anche a nome delle Centrali cooperative.

1-4 of 4